IL SOFTWARE ha una doppia funzione: il veicolo che ha l’app aperta viene avvertito sia se è questo a essere contromano, sia se ci sono altri mezzi nelle vicinanze che sbagliano strada. “Niente più incidenti mortali a causa di veicoli che procedono nel senso opposto di marcia: è questo l’obiettivo di Bosch” sono le parole di Markus Heyn, membro del Board of Management di Bosch. Il servizio salvavita avverte i guidatori entro dieci secondi: un bel passo in avanti se si pensa che, quando un veicolo imbocca la strada contromano, le segnalazioni autostradali arrivino addirittura dopo 7 minuti. Un tempo troppo lungo perché gli incidenti avvengono, di solito, entro 4 minuti.

L’AZIENDA sta pensando di trasformare il servizio in una dotazione di serie che andrebbe ad arricchire i sistemi di sicurezza già presenti. Un altro punto di forza del wrong-way driver warning firmato Bosch, infatti, riguarda la sua capacità di integrare gli avvisi nei sistemi di infotainment dei veicoli.

LE MODALITÀ DI AVVISO cambiano in base alla situazione. Attraverso un database contenente la direzione del veicolo e la direzione di marcia consentita, il software confronta i movimenti: se non corrispondono, uno specifico sistema di alert avverte il guidatore e gli altri veicoli intorno. Nel caso in cui, invece, un mezzo di trasporto confonda l’uscita con l’entrata dell’autostrada riceverà una notifica push.

PER ORA la tecnologia è disponibile solo per i mezzi a quattro ruote ma, visto che Bosch è impegnata da sempre anche nello sviluppo di sistemi di sicurezza dedicati anche alle due ruote, è auspicabile una futura “declinazione” anche per moto e scooter. D’altronde, proprio gli utenti di queste ultime due categorie sono  i soggetti più deboli in caso di impatto…