HONDA PRESENTA LA NUOVA CMX500 REBEL

Facebooktwittergoogle_plus

Honda CMX500 Rebel 2017: La Casa di Tokyo presenta una nuova custom spinta da un motore bicilindrico parallelo da 471 cc, adatta anche ai possessori di patente A2. Tradizione e modernità sono mixati nel look della moto, che ben si presta alla personalizzazione. Arriva in primavera.

Dopo Intermot ed Eicma le novità in casa Honda non sono ancora terminate! Sulla scia dell’infornata di nuovi modelli visti ai saloni autunnali (ad esempio la nuova CBR1000RR Fireblade o lo scooter offroad X-Adv, ma cliccate qui per tutte le novità Honda di Colonia e qui per quelle di Milano) la Casa di Tokyo presenta ora la nuova CMX500 Rebel: una custom di 500 cc, dalle linee semplici ed essenziali.

REBEL: UN NOME CHE ARRIVA DAL PASSATO

I più appassionati di voi ricorderanno sicuramente il nome Rebel, tra la fine degli anni ’80 e gli anni ’90 infatti, questa moto era già presente nella gamma Honda, nelle cilindrate 125, 250 e 450. La Casa di Tokyo ha quindi deciso ora di rispolverare questo nome, riproponendolo su una custom moderna, aggiornata seguendo i gusti dei giovani motociclisti. È a loro infatti che si rivolge principalmente questo nuovo modello, una moto studiata per “essere in grado di rappresentare uno stile di vita, un’attitudine, e consentire al proprietario di esprimere la propria personalità. Una moto del genere deve adattarsi allo stile di vita del motociclista ma anche offrire spunti per ulteriori possibilità di personalizzazione”. Per questo motivo Keita Mikura, il Project Leader di questo progetto, ha realizzato una custom dal look classico e minimalista, una moto pensata come un “foglio bianco” che il proprietario può personalizzare in base ai propri gusti.
Le sovrastrutture sono limitate al minimo, troviamo solamente il lungo serbatoio, da 11,2 litri, spiovente verso la sella (bassa, 690 mm da terra) e il parafango posteriore in tinta. Il look bobber è caratterizzato poi dalle gomme dalle misure generose, dal faro anteriore tondo con cornice satinata, dal manubrio a piega bassa e da un look total black riservato a gran parte della moto: motore, telaio, scarico, cerchi, foderi forcella…Le uniche parti in diversa colorazione sono in sostanza solo il serbatoio e il parafango posteriore.

17YM RebelLa strumentazione è composta da un unico display LCD tondo a retroilluminazione blu, che trova posto al centro del manubrio. In vero stile custom, la chiave di contatto si trova sul lato sinistro del serbatoio; il bloccasterzo è fissato al cannotto sul telaio.

DALLA CB500 ALLA CMX500

La nuova CMX500 Rebel è spinta da un motore bicilindrico parallelo da 471 cc con raffreddamento a liquido e distribuzione a 8 valvole, derivato da quello della serie CB500. Per renderlo più adatto ad una custom il propulsore ha però ricevuto nuove impostazioni della mappatura di accensione e dell’iniezione elettronica e un nuovo impianto di scarico. In questa configurazione il propulsore raggiunge una potenza di 45,6 CV a 8.500 giri/min e una coppia massima di 44,6 Nm a 6.000 giri/min; la moto è adatta quindi anche ai possessori di patente A2. La nuova Rebel è, ovviamente, omologata Euro 4.

17YM RebelIn questo propulsore la distribuzione bialbero (DOHC) a 4 valvole per cilindro sfrutta bilancieri a rullo; le valvole di aspirazione e scarico hanno un diametro rispettivamente di 26 e 21,5 mm. Le misure di alesaggio e corsa sono leggermente superquadre, pari a 67×66,8 mm, con rapporto di compressione di 10,7: 1. La fasatura dell’albero a gomiti è di 180° e un contralbero di bilanciamento primario è posizionato dietro ai cilindri. Tra gli ingranaggi della primaria e del contralbero troviamo un ingranaggio intermedio che ne riduce la rumorosità.
l cambio è a 6 rapporti e lo scarico di tipo 2-in-1 è dotato di catalizzatore e struttura a due camere (la seconda di risonanza), con silenziatore tondo da 120 mm.

TELAIO E CICLISTICA
17YM Rebel
17YM Rebel

Lo “scheletro” della moto è un telaio a diamante in tubi di acciaio (che “abbraccia” il motore in tre punti) abbinato ad un telaietto posteriore in alluminio. Il telaio è stato realizzato anche per essere un elemento estetico della moto, ne è la prova la “curva” nella zona dietro la sella del pilota, che crea una netta separazione con il parafango.

L’avancorsa è di 110 mm con un’inclinazione del cannotto di sterzo pari a 28° e un’inclinazione degli steli forcella leggermente maggiore, pari a 30°. L’interasse è di 1.488 mm. Le piastre della forcella distanziano tra loro gli steli (da 41 mm di diametro) di 230 mm. Nuovo anche il forcellone, in tubi di acciaio da 45 mm, con ammortizzatori regolabili nel precarico su due posizioni.

I cerchi in alluminio a 10 razze sono da 16” e montano pneumatici Dunlop, nelle misure 130/90-16 anteriore e 150/80-16 posteriore. La frenata è affidata ad un disco singolo anteriore da 264 mm, stretto da una pinza a due pistoncini, e ad un disco posteriore da 240 mm, con pinza a singolo pistoncino; l’ABS è di serie.

ACCESSORI, LIVREE E DISPONIBILITÀ

La gamma di accessori prevede: portapacchi posteriore tubolare, borse laterali morbide, parabrezza e presa 12V.

In Italia la nuova CMX500 Rebel sarà disponibile in due colorazioni: nero “Graphite Black” o grigio “Mat Armored Silver Metallic”. La commercializzazione inizierà a marzo 2017, il prezzo si conoscerà con l’arrivo del listino di febbraio.

P.S.: in Italia arriverà solo la versione di 500 cc, ma della nuova Rebel è prevista anche la versione 300, spinta da un motore monocilindrico.

Articolo scritto da Giuseppe Cucco su Motociclismo.

 

(Visite Totali 4.520, Oggi 1 visite)